Hobbyefaidate Guida Antiquariato Il Neoclassico

Guida all’ Antiquariato
Stile Neoclassico
 
Italia Secolo XVIII
 
 
Questo stile si colloca storicamente tra il 1760 e il 1790.
Lo stile neoclassico inizia in Italia dopo la metà del settecento ed assume le connotazioni regionali che sono la peculiarità dell’ebanisteria italiana. Ed è nel nostro paese che muove i primi passi, con un fervore di rinnovamento, di ritorno all’ordine e come reazione alle estrosità eccessive del Barocco. L’evento più sintomatico per le conseguenze che ne derivano nel campo dell’arredamento, è rappresentato dalla pubblicazione delle incisioni per le Antichità Romane G.B. Piranesi 1754, ed è a Roma che sviluppa i suoi studi, che spaziano dalla traduzione grafica dei monumenti romani all’interpretazione delle architetture moderne. A Napoli gli scavi nel territorio di Pompei ed  Ercolano, mettono alla luce opere d’arte di carattere ellenistico ed i loro modelli si innestano con eleganza alla tradizione Romana. In Piemonte, la conversione al gusto neoclassico è precoce, anticipata da una evoluzione architettonica iniziata da Filippo Juvarra che miscelò ad una matrice barocchetta un equilibrio composito e classico. In Lombardia, come in Piemonte ed in Liguria, l’artigianato del mobile è fiorente ed accetta ben presto i nuovi canoni di rinnovamento. L’intaglio continua ad essere egregiamente coltivato asservito ai nuovi motivi della decorazione. Giuseppe Maggiolini è l’indiscusso Maestro dell’intarsio. La caratteristica neoclassica dell’arredo milanese e completata dalla comparsa di motivi esotici ed orientali.  A Venezia resiste lo spirito Rococò,   l’avvento neoclassico è tardivo, e gli artigiani veneziani continueranno l’uso delle lacche adattando colori e forme alle nuove istanze artistiche. I mobili, sono sempre più numerosi e destinati a preciso uso, per una società sempre più raffinata ed esigente. L’imitazione per l’antico non e presa alla lettera, ma lascia alla genialità dell’artista libera fantasia. Le forme diventano meno leziose le linee sinuose vengono abbandonate per far posto alla linea diritta, tornano di moda gli angoli retti e le superfici piane, si tollerano solo la linea semicircolare e l’ellisse. Le decorazioni si ispirano all’arte antica, gli elementi caratteristici sono: il medaglione ovale, il nodo d’amore, il brucia profumi la placca di bronzo posta sul dado di raccordo. I motivi ornamentali classici sono quelli che ritroviamo in molti altri stili ma trattati e stilizzati in modo diverso.
Oggetti ed accessori,  il ritorno al classico si avverte in ogni campo espressivo, le forme che ne risultano hanno una raffinata eleganza, la limitazione della creatività sfocia spesso in un rigore canonico e noioso.
Anche l’argenteria prodotta è di ispirazione classica, gli oggetti rispettano una simmetria geometrica. Anche in questo campo le linee rigorosamente nitide e marcate, decorazioni archeologiche, fanno trasparire un’eleganza si raffinata ma velata da una certa monotonia. La ceramica, continua diritta per la sua strada senza grosse influenze di gusto classico, cambia rotta e si ispira all’antichità, solo al tramonto dello stile neoclassico. Aumenta la diffusione delle varie maioliche come accessori per arredamento
 
Guida all' Antiquariato

Vocabolario dell’ Antiquariato

 Gli Stili

Secolo XV e XVI

Il Rinascimento

Secolo XVII

Il Barocco

Secolo XVII

La Reggenza

Il Barocchetto e il Rococo

Il Neoclassico

Il Direttorio

Secolo XIX

L'Impero

L'Ottocento

Secolo XX

Il Novecento, Modern Style

L' Arts Dèco

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Questo stile si colloca storicamente tra il 1760 e il 1790.
Lo stile neoclassico inizia in Italia dopo la metà del settecento ed assume le connotazioni regionali che sono la peculiarità dell’ebanisteria italiana. Ed è nel nostro paese che muove i primi passi, con un fervore di rinnovamento, di ritorno all’ordine e come reazione alle estrosità eccessive del Barocco. L’evento più sintomatico per le conseguenze che ne derivano nel campo dell’arredamento, è rappresentato dalla pubblicazione delle incisioni per le Antichità Romane G.B. Piranesi 1754, ed è a Roma che sviluppa i suoi studi, che spaziano dalla traduzione grafica dei monumenti romani all’interpretazione delle architetture moderne. A Napoli gli scavi nel territorio di Pompei ed  Ercolano, mettono alla luce opere d’arte di carattere ellenistico ed i loro modelli si innestano con eleganza alla tradizione Romana. In Piemonte, la conversione al gusto neoclassico è precoce, anticipata da una evoluzione architettonica iniziata da Filippo Juvarra che miscelò ad una matrice barocchetta un equilibrio composito e classico. In Lombardia, come in Piemonte ed in Liguria, l’artigianato del mobile è fiorente ed accetta ben presto i nuovi canoni di rinnovamento. L’intaglio continua ad essere egregiamente coltivato asservito ai nuovi motivi della decorazione. Giuseppe Maggiolini è l’indiscusso Maestro dell’intarsio. La caratteristica neoclassica dell’arredo milanese e completata dalla comparsa di motivi esotici ed orientali.  A Venezia resiste lo spirito Rococò,   l’avvento neoclassico è tardivo, e gli artigiani veneziani continueranno l’uso delle lacche adattando colori e forme alle nuove istanze artistiche. I mobili, sono sempre più numerosi e destinati a preciso uso, per una società sempre più raffinata ed esigente. L’imitazione per l’antico non e presa alla lettera, ma lascia alla genialità dell’artista libera fantasia. Le forme diventano meno leziose le linee sinuose vengono abbandonate per far posto alla linea diritta, tornano di moda gli angoli retti e le superfici piane, si tollerano solo la linea semicircolare e l’ellisse. Le decorazioni si ispirano all’arte antica, gli elementi caratteristici sono: il medaglione ovale, il nodo d’amore, il brucia profumi la placca di bronzo posta sul dado di raccordo. I motivi ornamentali classici sono quelli che ritroviamo in molti altri stili ma trattati e stilizzati in modo diverso.
Oggetti ed accessori,  il ritorno al classico si avverte in ogni campo espressivo, le forme che ne risultano hanno una raffinata eleganza, la limitazione della creatività sfocia spesso in un rigore canonico e noioso.
Anche l’argenteria prodotta è di ispirazione classica, gli oggetti rispettano una simmetria geometrica. Anche in questo campo le linee rigorosamente nitide e marcate, decorazioni archeologiche, fanno trasparire un’eleganza si raffinata ma velata da una certa monotonia. La ceramica, continua diritta per la sua strada senza grosse influenze di gusto classico, cambia rotta e si ispira all’antichità, solo al tramonto dello stile neoclassico. Aumenta la diffusione delle varie maioliche come accessori per arredamento

Informativa sulla privacy
Home page gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!